Falcone

Bloccato
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Ciao Alberto.
E' stato uno dei primi controlli che ho fatto a luglio quando l'ho comperata. Non c'erano giochi di nessun genere, la compressione era buona (anche il mio stinco destro se ne è accorto).
Però c'e' sicuramente un cuscinetto che urla. Penso sia uno del cambio, ma lo verificherò a motore aperto.

Ad ogni modo, avevo pensato di sostituirli comunque tutti, per non dover riaprire in seguito.

Mi preoccupa il guidavalvola, se davvero è lui ad essere rovinato. Spero non si sia rovinata anche la valvola. E poi ho letto che dopo aver sostituito il guidavalvola, bisogna "bocciare". E qui "casco dal pero", perchè non so cosa significhi.

Ciao e grazie
Michele
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Sostituire valvole e guide valvole non è un grosso problema, e che dopo bisogna avere la fresa giusta per "fresare" la sede valvola affinchè chiuda perfettamente.

Ciao.
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Concordo con quanto ti è già stato detto.
Il colore nocciola della valvola di aspirazione è normale, come la fuliggine sullo scarico.
I giochi ai gambi delle valvole non creano grossi problemi però per avere il massimo rendimento è bene toglierli.
Del pistone ti passo il disegno, è spalmato su 6 fogli A4, dovrai stamparli e unirli tra loro.
Io ho la GTV, ho le valvole scoperte esposte a sabbia e intemperie.
Adesso avranno più di mezo millimetro di gioco, però la moto va bene lo stesso. Se dovessi intervenire, probabilmente passerei dai 120 di max a 123-125.
Poichè ho avuto una grippata e suppongo che il mio pistone sia rigato, i gas dello scoppio mi mandano in pressione il carter e in conseguenza il serbatoio olio, con qualche goccia di olio che quando vado forte esce dal tappo e mi arriva sui pantaloni.
Forse un giorno provvederò!!
[img=http://img122.imageshack.us/img122/564/ ... ih5.th.jpg]
[img=http://img378.imageshack.us/img378/4631 ... ui0.th.jpg]
[img=http://img378.imageshack.us/img378/7827 ... cf7.th.jpg]
[img=http://img378.imageshack.us/img378/8008 ... xj4.th.jpg]
[img=http://img380.imageshack.us/img380/1372 ... vl2.th.jpg]
[img=http://img378.imageshack.us/img378/8025 ... ou7.th.jpg]
Ciao
Vanni
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Grazie Vanni, ho scaricato i disegni. In effetti il pistone è quello, a parte lo "scavo" in corrispondenza della valvola di aspirazione.
Potrebbe essere che ci sia montata una camma che alza di più la valvola ? Ho letto che in passato c'erano in giro pezzi del dondolino, potrebbe essere una di quelli ?
Hai un disegno della camma "normale" dello sport ?

Alla fine poi ho aperto completamente il motore, e tutti i pezzi giacciono in ordine sul tavolo del mio garage. Smontarlo è stato abbastanza semplice, spero poi di riuscire a rimontarlo (e sopratutto che poi funzioni).

I miei sospetti sui cuscinetti erano fondati.
Il cuscinetto destro dell'albero motore, quello a sfere, si muove a scatti, e il cuscinetto destro dell'albero primario del cambio sgrana.
Adesso il problema è cambiarli.
Pensavo di poterlo fare io, come ho fatto tante volte sulle vespe, ma questi sono inseriti a pressione, e attorno c'è una fascia (di rame ?) ribattuta per tenerli in sede. Il cuscinetto sinistro dell'albero primario del cambio è stato sostituito dai precedenti proprietari, ed è stato fatto un mezzo macello (e mi viene da piangere). Gli altri sembrano non essere mai stati toccati.
Vorrei poterli cambiare tutti e risistemare il macello.

Un amico che ha una macchina da corsa mi ha suggerito di andare in una rettifica, come fa il preparatore del suo motore. Secondo lui li' dovrebbero essere perfettamente attrezzati per fare il lavoro di sostituzione.
Corrisponde a verità ?
Oppure, quale è il posto giusto dove andare ed evitare che venga fatto un macello ? Non è che una coppia di carte nuovi si possa trovare dietro l'angolo.

Ho paura che queste saranno solo le prime di una lunga serie di domande, spero che mi sopporterete.

Grazie
Michele
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Il più difficile da levare è la ghiera del cuscinetto a rulli dell'albero motore perchè è un fuori misura. Per gli altri, se si avesse la scatola degli astrattori, si fa ( come ha il mio amico Gigi, ex meccanico di una concessionaria Guzzi ).
Giustamente per evitare danni ancora più spiacevoli porterei i carter da una officina di rettifica, anzi colgo occasione per chiedere a Vanni se ce ne può indicare una dove abbiano una profonda conoscenza dei motori Guzzi e a cui porterci rivolgere.

Cmq buon lavoro.

Alberto.
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Prova a sentire Negri a Lecco, ha l'officina tra i 2 ponti, è soprattutto appassionato di lambrette ma non disdegna Guzzi!

Posto qui i disegni della camma del Falcone Sport e del Turismo.
I disegni sono in A3, ho dovuto fare la scansione in 2 step.
Stampare e unire i fogli.
[img=http://img155.imageshack.us/img155/2415 ... uv7.th.jpg]
[img=http://img148.imageshack.us/img148/7470 ... nt0.th.jpg]
[img=http://img148.imageshack.us/img148/6061 ... ze3.th.jpg]
[img=http://img519.imageshack.us/img519/4143 ... uz3.th.jpg]
Ciao
Vanni
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Un saluto a tutti.
Una domanda: ho aperto il motore del falcone, e tra un po' sarà ora di
richiuderlo (spero). Ho tutte le guarnizioni, che ovviamente sono in
"carta". Tanti anni fa, quando da ragazzo passavo le estati lavorando da un
meccanico del mio paese (mentre gli altri erano al mare.....), ricordo che
su guarnizioni di questo tipo il meccanico mi faceva mettere un mastice
trasparente. Oggigiorno, cosa mi consigliate di fare ? Non vorrei usare
quella loctite rossa che mi è capitato di vedere su qualche motore. Il mio
falcone non può subire un'onta di quel genere, non voglio quella riga rossa
sbordata a metà motore.

E' sufficiente inumidire di olio le guarnizioni prima di montarle ?
Oppure va bene il mastice trasparente ? (ne ho trovato uno arexon).
Oppure vanno lasciate "a secco" ?

Una segnalazione: al contrario di quanto è scritto sul libro del Colombo
riguardante il falcone, i cuscinetti non sono proprio facili da trovare sul
mercato. Quello a rulli dell'albero motore costa un botto, e i due
cuscinetti dell'albero del cambio proprio non ci sono a catalogo, perchè con
misure fuori dagli attuali standard.
Per fortuna che Pierone Ettore da Bovolenta ne aveva e me ne ha ceduto una
coppia ! (e giustamente non proprio a buon mercato)

Michele
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Il Piero Pomi per il falcone usava il silicone trasparente, regge bene e con uno straccio si toglie l'eccesso:non si vede più nulla.
Ciao
Vanni
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Egregio Signor Vanni, sono Claudio Travagli da Ferrara, nuovo socio sostenitore e FMI 2008 (versamento effettuato ma non registrato). Leggendo sul sito, ho appreso che Lei è un esperto nel campo delle moto d’epoca costruite a Mandello del Lario. Possiedo una Moto Guzzi Falcone Sport 500 versione Corazzieri, prodotta il data 18-Marzo-1959, avente telaio n° FAV24 e motore n° FAV28. Facendo una breve descrizione della moto, si può dire che ha: - l’avviamento elettrico; - parafanghi ant. e post. avvolgenti; - doppio tubo di scarico (dx. e sx.); - cavalletto centrale e laterale (tipo Superalce); - paragambe bordati con tubo cromato; - carter dx. e sx. di copertura motore; - serbatoio carburante cromato sia nella parte anteriore che negli specchi laterali; - serbatoio olio motore con bombatura circolare dx. cromata. E’ verniciata in bianco e nero (- calotta faro ant., serbatoio olio mot., carter copri motore e parafango posteriore BIANCHI; - telaio, forcella ant., mozzi ruote, piattelli porta ganasce freni, parafango anteriore, paragambe, carter catena e serbatoio carburante NERI). Non ho mai visto un modello uguale alla moto in mio possesso. Ho visto delle foto di una moto che è a Verona, denunciata Falcone 500 versione Corazzieri, ma in comune con la mia ha solo l’avviamento elettrico, carter copri motore e parafango posteriore avvolgente. E’ verniciata anch’essa in bianco e nero, ma con (- parafanghi ant. e post., carter copri motore, carter catena e serbatoio carburante senza cromature BIANCHI; - telaio, forcella ant, calotta faro ant., mozzi ruote, piattelli porta ganasce freni NERI). Poi sono stato informato che ne esiste una anche a Padova, ma dalle informazioni ricevute, anche questa non è curata come la mia.
Ho scritto a suo tempo in Guzzi, dove mi hanno confermato la data di costruzione, i numeri di telaio e di motore e la data di vendita, ma mi hanno inviato dati e foto del Falcone Sport 500 cc , 1949 – 1958, colore rosso Guzzi versione civile.
Successivamente ho scritto ancora in Guzzi facendo presente che i dati da me richiesti si riferivano a un modello di Falcone Sport 500 versione Corazzieri, versione particolarmente curata, con delle finiture totalmente diverse dalla versione civile, ma mi hanno risposto che i dati a suo tempo inviati erano gli unici in loro possesso.
Le sarei grato se potesse darmi delle notizie attendibili in merito al modello da me posseduto, relative alla storia di questo modello, al numero di moto realizzate, ai colori, alle cromature e alle filettature originali (larghezza, colore , spazzi tra l’una e l’altra, posizione di applicazione), dove poter reperire foto o disegni originali , e quant’altro utile, al fine di effettuare un perfetto restauro originale.
RingraziandoLa anticipatamente, colgo l’occasione per augurare a Lei, a tutto lo Staff e ai colleghi soci un Buon Fine Anno e un Felice 2008.
Cordialmente Claudio Travagli (FAV24)
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Gentile sig. Claudio
Oltre che darle il benvenuto sul forum di AG, mi complimento per la splendida moto in suo possesso.
Normalmente gli ordino pervenuti in Guzzi, relativi a forniture ai Corazzieri, sono relativi a 26- 28 esemplari, mai più di 30.
In origine queste moto vennero fornite verniciate in blu Corazieri, fornito da Vercolac con codice 4D 23623,vernice per cottura a forno a 140°C per 20'.
Oggi questa tinta è replicata da Lechler col codice Guzzi 240 ed è un acrilico catalizzato.
Una foto dell'esemplare in questione la può trovare sul Colombo a pag. 379, è in B/N ma si possono vedere i filetti che parrebbero bianchi da 3mm di spessore con quelli a cavallo del cromo di 4 mm.
Anche i marchi sembrerebbero bianchi, probabilmente eseguiti in xerigrafia, come quelli degli ultimi cardellino, dello zigolo 110, la lodola 235 e lo stornello 4m.
Purtroppo non so dirle di più, se non possiede il libro del Colombo, se mi dà un indirizzo e mail, potrei spedirle la foto.
buon 2008 anche a Lei!
Vanni
La moto è particolarmente rifinita
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Egregio Sig. Vanni, La ringazio delle informazioni che mi ha inviato, la foto in b/n l'ho gia recuperata ma purtroppo non è molto chiara anche in virtù del fatto che una volta le foto in b/n venivano ritoccate per , a dir dei fotografi, farle più belle nascondendo quello che poi a noi interessa. Spero che tramite il forum si mettano in contatto altre persone a conoscenza di dove poter reperire altre info, documentazione sulla storia dei modelli dedicati dalla M.G. al corpo dei Corazzieri, o altri proprietari in possesso di questo modello anno 1957/1959.
A presto cordialmente Claudio Travagli FAV24
_________________
FAV24
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Buonasera Vanni.
Mi rivolgo alla sua esperienza per risolvere, se possibile, un piccolo problema. Ho iscritto il mio Falcone 500, ex Polizia Stradale, alla FMI, Registro Storico. Non mi viene rilasciata la targa, atteso che il serbatoio, rosso, è stato verniciato con un "baffo" nero e contornato con il classico filetto oro. L'esaminatore mi dice che non esiste alcun modello di Falcone con un simile serbatoio. Il modello del mio Falcone sarebbe quello denominato "America" che so essere stato destinato, non in molti esemplari, anche alla produzione civile. Non so come meglio spiegare come è stato verniciato e non riesco a capire se posso allegare al messaggio una fotografia che, sicuramente, meglio chiarirebbe tutto.
Spero anche di non aver duplicato la domanda, ma non ho trovato, nella sua rubrica, post sull'argomento ai quali agganciarmi. Non me ne voglia il moderatore se mi è sfuggito....
Grazie in anticipo per la risposta.
Cordiali saluti.
Piero Pieri
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

In effetti non esiste alcuna versione del falcone col baffo nero, nè è mai esistita una versione in rosso dell'edizione 1966 cui penso si riferisca il suo esemplare, essendo questo stato un lotto anacronistico, cioè frutto di una richiesta di 600 esemplari a 10 anni dalla cessazione del prodotto.
Per allestire questi esemplari, essendo divenuti irreperibili i vecchi componenti quali manubrio, sella e serbatoio, si ovviò adattando quanto offriva in quel momento il mercato.
Dopo qualche anno, dismessi questi mezzi dalla Polstrada, si videro circolare diversi esemplari riverniciati in rosso e con il baffo cui lei si riferisce. Qualche fantasioso possessore,visto il manubrio alto, probabilmente spacciò il suo esemplare per il fantomatico modello "America".
Ciao
Vanni
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Grazie Vanni. L'esaminatore mi dice che per avere la targa dovrei far riverniciare il serbatoio tutto di rosso, eliminando baffo e filetto. In quella maniera diverrebbe regolare...! Non lo farò di certo... Non voglio essere polemico con la Commissione del registro storico, però se le cose stanno come mi dice lei, e non ho motivo di dubitarne, vorrei capire in base a quali documenti mi dicono che se avesse il serbatoio interamente rosso, sarebbe diverso. A quel punto, forse, sarebbe più logico pretendere che venga lasciato con i colori originali della Polstrada, visto che era destinato solo a loro.
Grazie, comunque per la sua cortese risposta.
Piero Pieri
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Sono d'accordo con te, dovrebbe rimanere verde oliva polstrada.
Ciao
Vanni
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Sono sempre alla ricerca di un triangolo anteriore per il mio Falcone Sport incidentato: lo vorrei far addirizzare solo se non ci saranno alternative, tanto il progetto è già slittato al prossimo inverno.

Ho comprato un telaio completo marcato 7495 GUZZI.
E' elastico, con lunghi tubi per le molle sotto il motore.
Penso di un GTV o forse di un GTS.
Di che anno sarà?

Ciao a tutti e buon tumpeggiamento
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Per capire se sia un GTV o un GTS, bisogna guardare la gamba destra anteriore.
Sul GTV va via dritta, sul GTS ha una protuberanza in corrispondenza della valvola laterale.
Stando al Colombo, i numeri di telaio erano stampigliati alla rinfusa su tutti i modelli 500 ed erano compresi tra il N°51 del 1921 e il N°
3864 del 1954.
Per sapere l'anno bisognerebbe richiedere il certificato d'origine alla S.ra Gabriella, te lo può spedire e costa una cinquantina di euro.
Che sa fare ottimi lavori di lattoneria e di raddrizzatura telai, a Mandello opera il sig. Demo Mainetti che senz'altro non ha problemi a raddrizzarti il telaietto. se ti interessa ti fornisco il N° telefonico.
Ciao
Vanni
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Mi faresti un grande piacere a darmi il numero del Mainetti, ti ringrazio

Devo cambiare il Borrani super record anteriore a 40 fori da 2,5x19.
Ne avrei trovato uno mai montato( è da bucare!). Che faccio, lo prendo? e poi, per bucarlo? credo che sia un grosso casino, tu che dici? lo chiedo al Mainetti?
Ciao,
Franco
Avatar utente
Nello
Socio Tesserato 2021
Messaggi: 4100
Iscritto il: lun ott 27, 2003 11:04 am
Contatta:

Messaggio da Nello »

Ecco qui:
Mainetti Demo
tel 0341-735981

Sì. credo si proprio un grosso casino!
Il Demo riesce a riparare grossi guai sui cerchi in Al.
Forse c'è un artigiano di Abbadia che poichè monta le ruote a raggi, potrebbe forse essere in grado di eseguire i fori.
Io lo conosco solo di soprannome, lo chiamano "Bech".
Senti Mainetti, forse lui lo conosce di nome e quindi potrebbe avere il recapito telefonico.
Ciao
Vanni
Avatar utente
moderntalking
Utente Registrato
Messaggi: 110
Iscritto il: gio ago 14, 2008 3:31 pm
Località: Provincia di Padova

Messaggio da moderntalking »

Ciao a tutti.
Mentre i miei carter e la mia testata sono in rettifica per lavori, cuscinetti i primi e valvole e guidavalvole la seconda, stò esaminando anche il resto del falcone.

E qui sorge l'ulteriore domanda per Vanni.

Il parafango posteriore, sul davanti, è fissato ad una staffa con due rebattini (o quello che sono), la staffa a sua volta è fissata al telaio.
Purtroppo il parafango si è staccato dai rebattini, tutto attorno ad essi, con il risultato che il parafango ad ogni più piccolo sobbalzo fa rumore. Mi sembra di aver letto che era un difetto congenito del falcone. E' così ?
Qualche suggerimento sul come ripararlo/restaurarlo al meglio, onde evitare che il difetto si ripresenti e senza rovinare più del dovuto ?

Grazie e saluti
Michele
Ex Falcone 1954
Ex V65SP
Yamaha MT09 - AG SocioSostenitore n.29/2014
Bloccato

Torna a “Consigli d'epoca”